Dietro le quinte della polizia

CHF 19,50
È lo stesso commissario Maigret, nelle sue Memorie, a raccontare (in una esilarante mise en abyme ) come gli era capitato di far visitare i locali della Polizia giudiziaria a uno scrittorello dotato di « giovanile sfrontatezza », tale Georges Sim. Nella realtà fu il suo direttore, Xavier Guichard, a proporre a Simenon (che di Maigret ne aveva già pubblicati una mezza dozzina) di trascorrere qualche giorno al Quai des Orfèvres: giusto per rendere più verosimili il suo personaggio e l’ambiente in cui si muoveva. Simenon non se lo fece ripetere due volte, e ne approfittò anche per scrivere una serie di articoli. E poiché (come il lettore ha già potuto constatare nei tre precedenti volumi dei reportage) spesso il romanziere ha la meglio sul giornalista, non solo annota spunti per i suoi futuri romanzi, ma si toglie lo sfizio di raccontare celebri inchieste, casi giudiziari clamorosi, aneddoti singolari. Dai quali (ed è questo un non secondario motivo di interesse) emerge uno spaccato, quasi sociologico, della Parigi degli anni Trenta, con i suoi quartieri malfamati, la fauna delle periferie, i ricchi borghesi delle strade eleganti, i piccoli artigiani degli arrondissement più poveri: una Parigi che già allora cominciava a cambiare profondamente – e che oggi è quasi totalmente scomparsa. Così come è scomparsa quella polizia di cui Simenon ci mostra all’opera gli ultimi esemplari, e di cui rimpiange senza infingimenti i metodi sbrigativi ma efficaci.
aggiungi al carrello
EAN: 9788845937361
Autore: Georges Simenon
Editore: Adelphi
Tipologia di prodotto: BA
Generi: narrativa

Libri correlati

(premi Invio o Esc per uscire)